I vantaggi 552781
Puntare

Legge di Bilancio 2020: nuove imposte sul gioco e tasse sulle vincite

Come i social media influenzano la nostra vita e quando portano al sovraccarico digitale. Caroline Fux, esperta in relazioni, sul tema del dating online. Al Triemlispital il robot «DaVinci» è al tavolo operatorio. Il vero medico si trova a due metri dal paziente.

Testa Reparto Vigili del Fuoco del decreto di Varese di Gianni Armiraglio Preferiremmo scrivere di storie non tristi quando parliamo dei nostri cari, quando in una famiglia ci sono dei nonni, quelli veri che sono stati all'unanimitа una vita, si sono amati e hanno tirato grandi i figli, voluto bene ai nipoti, ma purtroppo i nonni prima o poi, se vanno e in questo momento il coronavirus ce li sta portando via. Abbiamo scelto di ricordare due persone comune, come ce ne sono tante, bensм in questo è come se ricordassimo tutti quei nonni, tutte quelle persone anziane che, alla fine di complessivo quanto sta succedendo non troveremo più. Carla, classe , era una piccola artigiana in pensione dalle mani d oro, la sartoria e i fiori le sue passioni più grandi. Aculeo che andava su e giù, le bastava un semplice pezzo di drappo, una macchina da cucire e da quelle mani uscivano abiti meravigliosi. Cotto della sua Cascina Sopra, piccolo contrada di San Macario, non aveva smesso, da buon pompiere, di essere sempre al servizio di tutti, in cucina alle feste di paese, appassionato di ciclismo e musicista nella Filarmonica Samaratese. La passione più grande di Carla e Felice: fare i nonni invece i bisnonni. Siamo stati travolti da un uragano senza avere neanche il tempo di realizzare e toccare insieme mano quello che ci stava succedendo intorno, tutti separati, appesi ogni dм alla speranza che il telefono suonasse con qualche notizia positiva dagli ospedali. Il 13 giugno scoccarono i 60 anni di matrimonio.

Innumerevole per cominciare, ci chiediamo se deve essere considerato legale un qualsiasi esemplare di gioco per la semplice causa che è lo Stato ad autorizzarlo traendone un importante contributo erariale? Allora, se lo Stato ha ritenuto di legalizzare il gioco a premio per strapparlo dalle mani della malavita, è una buona ragione per renderlo legale. Senza mettere sulla bilancia i posti di lavoro che il gioco ha assicurato nel nostro Paese afflitto da crisi economica e produttiva. Il divertimento legale a premio inoltre ha sopperito a svariate carenze di fondi in altre strutture obsolete e viene continuamente chiamato in causa ovunque servano soldi. Staremo a vedere!

Leave a Reply